Er Trullo


Ce vivo da sempre, da quanno so’ nato
Nessuno finora ve l’ha raccontato
Della poesia che c’ha ‘sto quartiere
De quanto ‘e persone ar Trullo so’ vere

Ve spiego più o meno com’è strutturata
La classica zona chiamata borgata
So’ zone de Roma de periferia
Che quanno ce nasci fatichi a annà via

A via de Arcidosso c’è San Raffaele
La chiesa pe’ chi ar Trullo è fedele
Nun troppo lontano l’ex-cinema Faro
Sopra le scale dopo ‘r giornalaro

Da ‘n paio de anni l’hanno spostato
Sempre là ‘ntorno er famoso mercato
Ce vai a fa’ la spesa, ‘na passeggiatina
Se te sveji presto er sabbato matina

Monte de’ capre s’ a porta a braccetto
‘A borgata der Trullo cor doppio petto
Un volto, ‘n esempio, senza alcun trucco
‘Na vietta, du’ salite e c’è Montecucco

Se er disagio de ‘sti pizzi li fa esse malfamati
Te risponno che a ‘sto monno troppi santi ‘n ce so’ stati
E voi che benpensate e fate prediche da preti
Dubitate che qui ar Trullo ce so’ nati ‘sti poeti.

Er Pinto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.