Il Valore delle Cose

“A No’” je faccio “dai tojime ‘n dubbio…
Ma te che hai lavorato tanto nella vita
Che hai pedalato stretto a ‘sto manubrio
Te sembra che ‘a fatica t’è servita?

“Vie’ qua mettete a sede a Nonno mio”
Me versa er vino rosso ner bicchiere
“Quello che voi sape’ t’o dico io
Ma posa ‘sto gingillo fa er piacere…”

Sorseggio er vino, spengo er cellulare
E appizzo st’orecchiacce come ‘n lupo
“La vita bello mio è come t’appare
Com’oggi che sei omo e ieri ‘n pupo

Arrivi all’età mia e nun te n’accorgi
Te sembra de ‘sta sopra a ‘n cornicione
Ormai stai in cima e pare che te scorgi
Er panorama è sempre n’emozione

Nun pensi a quanti piani che hai salito
Le incazzature, i mazzi, le sudate
Tutti i gradini duri che hai patito
Li guardi bene e dici: che cazzate…

Perché nun so’ er lavoro, i sordi, l’obiettivi
Che te danno la forza d’annà avanti
Ma ciò per cui lo fai, so’ i tuoi motivi
Pe’ me siete voi altri, tutti quanti

Nun te fa spaventa’ dar precariato
La crisi, er monno sempre più meschino
Vai sempre a lavora’ ma spensierato
E accanna chi te tratta da cretino

Vedrai che sopra a ‘n ber cuscino degno
Pregno de sogni e de soddisfazioni
Te sentirai più fiero de st’impegno
Te servirà a squadratte li cojoni

E se c’avrai ‘na moje, ‘n pupo bionno
Che a casa aspetteranno er tuo rientro
Te sentirai co’ poco er re der monno
Ma adesso famme vede, dacce dentro.”

© Er Pinto
Tratta dal libro “Il Peso delle Cose” (2017)
Acquistalo qui: https://erpinto.it/prodotto/il-peso-delle-cose-libro/
Instagram: @erpinto_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.