La Strillona

Ar faro der Gianicolo s’affaccia ‘na regazza
“Ao Nine’ me senti?” Strilla verso er vòto
Si ‘a vedi a prima vista te po’ sembra’ ‘ na pazza
Le lacrime nell’occhi, su ‘e mano ‘n terremoto

Strilla verso Roma che da lassù se fa sciantosa
E pare che nun sente ‘sta dedica amorosa
Ma l’urlo suo straziante è invece indirizzato
Ar pòro Amore suo che è stato carcerato

“Ao Nine’ me senti?” “So’ io…me manchi tanto”
Leggero torna ‘n eco da Via della Lungara
“Vorrei solo stasera, pote’ dormitte accanto
Quann’esci finirà ‘sta sensazione avara…”

‘Na timida risposta da giù alle Mantellate
Nun è scandita bene tagliando er panorama
Je basta ‘na speranza, du’ lacrime asciugate
Nun c’ha la libertà: ma m’ama, ancora m’ama…

“Nine’ io te saluto, chissà se m’hai capito”
Ripete mezza frase, con ‘n pizzico de voce
“Mannaggia a te, te possino, t’avevo già avvertito
E mo ‘sto còre mio te strilla mentre coce”

Er Pinto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.