Nel dubbio ridi

Questo è ‘no strumento stravolgente
Usarla non è facile pe’ niente
Se ne vien fatto ‘n uso intelligente
Sicuro chi la prova poi nun se ne pente.

Non c’è bisogno de ‘na dote innata
Pe’ mettese a contatto co’ st’ amica
Soltanto che è abbastanza delicata
Ma a molti je piace prennese ‘sta briga.

Alcune volte rende tutto chiaro
Altre volte nun te dà ‘na mano
Starai a pensa’ a chissà che de strano
Ma la malizia c’ha ‘n sapore amaro.

Trasmette le emozioni se sei bravo
Delle parole è solo la cornice
Spiengandoti, non la dimenticavo
Dai retta ar Pinto, a quello che te dice:

“Non devi mai pensa’ che nun sei bono
Oppure che de prova’ sei stanco
Se te riesce riconosci er sòno
E cerchi de riempi’ ‘sto foglio bianco.

Ma questo vale pure nella vita
Non è che te sto a fa’ la paternale
Insisti sempre pure se è in salita
E ridi pure se te senti male.”

Ma ritornando a noi, dici, in finale
De cosa s’ è parlato tutto il tempo?
De quello che pe’ me è fondamentale
Senza de lei sarei ‘no stereo spento.

E dopo che t’ho dato questi indizi
Me spiace non averlo detto prima
Il dubbio resta uno dei miei vizi
Ma t’ho parlato solo della rima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.