Spelacchio

Si t’avessero comprato dar cinese
So’ sicuro che arivavi a fine mese
E invece devo dì, t’è annata male
Nun sei campato manco pe’ Natale

Ieri quanno t’ho visto ho detto cacchio
Nemmanco er tempo p’anna’ compra’ l’abbacchio
Che già davanti a li turisti vaghi
Avevi perso quasi tutti l’aghi

Te c’erano rimaste brutte e appese
Tre quattro palle lì, senza pretese
Chiunque te guardava da vicino
Se immaginava legna e ‘n ber camino

“Nemmanco a dì che je lo damo indietro”
“Mejo vede’ er presepe giù a San Pietro
Sperando che “Francesco” pe’ vendetta
Nun j’ha fatto spari’ ‘na statuetta”

Te immagini ‘sta vorta che bordello
Si mancasse dar presepio er bambinello
Artro che Pioppi, Pini, Abeti o Faggi
La colpa ar Papa, invece che alla Raggi

Ma a noi romani de ‘ste figuracce
Nun ce ne frega gnente, so’ fregnacce
Che ormai se semo abituati a falle
De secco c’avemo l’arbero…e le palle.

Er Pinto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.