Ultras

Apro l’armadio, primo cassetto
Sciarpa, bandiera e cappelletto
Er Trullo è deserto, scenno pe’ strada
È l’una, caffè, Olimpica, è annata

Me becco co’ l’altri all’obelisco
Bira e Borghetti, li preferisco
Persone che passano ovunque te giri
Penso “mo annamo”, me faccio du’ tiri

Silenzio e commenti, imboccamo er viale
Si oggi vincemo me sentirò male
Arivo all’ingresso: nun era più bello
Quanno pe’ entra’ nun c’era er tornello?

Tutti pronti, la Curva è strapiena
Occhi sbarati, comincia la scena
Braccia co’ mani che battono i cuori
Brividi e voce, esplodono i cori

L’inno è ‘n unisono de urla e colori
Fischio d’inizio, in alto i fumoni
Me guardo de dietro, gruppo compatto
Stretti e all’impiedi, er dado è tratto

Ogni domenica è ‘na battaja
È come si ognuno indossasse qua’ maja
Pòi piagne e pòi ride, strilli e te ‘ncazzi
Ma certe emozioni nun le rimpiazzi

È come ‘na lotta tra còre e ragione
È come ‘na fede, ‘na religione
Pe’ la tua squadra pòi vive e mori’
Si nun ce stai dentro nun lo pòi capi’

14 comments on “Ultras
  1. non so , una poesia sulla violenza negli stadi ???? mah …..

  2. Che ci sarebbe di violento in questa poesia?

  3. No, si nun ce stai dentro nun lo pòi capi’…

  4. Raga siete magnifici… Ogni volta che leggo una vostra poesia mi vien da pianger… Mi ci vedo…mi rispecchio e con capo chino e singhiozzante,riprendo fiato e ricomincio… Bravi tutti

  5. Stupenda che calcio sarebbe senza ultras!
    God save the ultras!

  6. fiumerosso ha detto:

    curva sud roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.