Il lago dell’anima

Mentre l’istrione recita er suo canto
De fronte a du’ compari de bisboccia
Scandisce le parole lento lento
Dettando l’emozioni alla capoccia:

“Lo sai che sento quando penso a te?
‘Na senzazione che nun c’ha vocaboli
Er friccicore che me fa vedè
‘Na serie de figure indescrivibili

Ste forme che so’ vere in mezz’all’aria
Che creano sentimenti disegnati
Come ‘na realtà che è immaginaria
Che fa sudà le tempie ai sfaticati”

“Ma che te sei fumato?” Dice Dario
Che te po’ provaca’ allucinazioni?
“Ma che te sei bevuto?” Dice Mario
“Pe’ fa diventa’ mostri ‘sti mosconi?”

Amichi cari voi nun ce credete
Che bevo io ma voi state ‘mbriachi
Nun è che quello che non conoscete
So’ tutte fiabe de sirene e drachi

L’effimero de ‘n sogno è trasparente
Ma la realtà non sembra poi da meno
Dentro de noi c’è un monno senza gente
E io a scoprillo mejo me c’alleno

Nun vojo mica divve che so’ ‘n mago
Nun te so’ dì er futuro né er presente
Me guardo dentro come fossi un lago
E vedo a vorte tutto e a vorte gnente

© Er Pinto, 2020

Il Terapeuta – René Magritte

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: