Quello che te dico

Quello che te dico è sconcertante
De ‘n padre de famia che c’ha l’amante
Der fijo che de canne ne fa tante
De quant’è bòno er sugo se è piccante

Quello che te dico è ‘na storiella
Der secco che ha accannato la pischella
De quanno annavo a scòla co’ ‘a cartella
De quanno bevo l’acqua a garganella

Quello che te dico è ‘n film già visto
L’ennesima serata ar San Callisto
Er finestrino aperto, er braccio fòri
Lo penso in bianco e nero ma è a colori

Quello che te dico è surreale
Contanto dici in lire quanto vale
Cantando la tua adrenalina sale
La tua endorfina è droga e non fa male

Quello che te dico è genuino
Come quanno è casereccio er vino
Ce sta ‘na soluzione ‘a ‘sta storiaccia
Che niente se risorve è ‘na fregnaccia

Quello che te dico, te lo dico
Come se lo stessi a di’ a n’amico
E sto tranquillo perché io me fido
Se dico ‘na cazzata, poi ce rido

Quello che te dico e non di più
È quello che non dicono in tv
Sei ‘na persona libera de vive
De ride, de pensa’, parla’ e de scrive

19 comments on “Quello che te dico
  1. bravissimo vedo i miei pensieri scritti è sconcertante 😉

  2. L’attacco dietro al camion, con il tuo consenso. E poi te Manno le foto. Con rispetto ” Mimmo”

  3. Quello che te dico è sconcertante (pausa) un giorno so rimasto senza mutante.
    Nun te dico cazzate. Ce devi crede. (Pausa)
    Me potessero cecà li corvi e le streghe…
    So rimasto senza mutande…
    Me pare normale de sti tempi.
    Pe un motivo o pe naltro ce se cariano i denti.
    (Pausa) oltre a perde er lavoro… Li fii… E la voja de vive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.